Legalizzazione dei documenti

 

 

 Per gli atti formati in Italia, da far valere all'estero, è prevista dall'ordinamento la legalizzazione. La legalizzazione consiste nell'attestazione ufficiale della qualità della persona che ha apposto la firma in calce all'atto e dell’autenticità della firma stessa.

VHS Srl vi fornirà il supporto necessario per risolvere le problematiche collegate alla legalizzazione di documenti italiani per la loro successiva presentazione all’estero, includendo la richiesta dei documenti necessari alle autorità italiane di competenza, l’apposizione dell’apostille, la traduzione effettuata secondo le prescrizioni dello stato estero di destinazione e la legalizzazione presso la relativa rappresentanza Consolare, nonché le problematiche che rigiuargano la legalizzazione dei documenti rilasciati all’estero per l’uso in Italia.

 

Tipologie di legalizzazione dei documenti:



  • Legalizzazione dalle rappresentanze diplomatico-consolari.

La legalizzazione Consolare è necessaria per i paesi che non hanno sottoscritto la Convenzione dell’Aia del 1961*, la quale ha introdotto la procedura di presentazione dell’apostille.

  • Apposizione dell’apostille

Nei Paesi che hanno sottoscritto la Convenzione dell’Aia del 5 ottobre 1961 relativa all’abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri, la necessità di legalizzare gli atti e i documenti rilasciati da autorità straniere è sostituita da un’altra formalità: l’apposizione della “postilla” (o apostille).

Pertanto, per il Paese di destinazione che ha aderito a questa Convenzione, non bisogna recarsi presso la Rappresentanza consolare e chiedere la legalizzazione, ma è necessario rivolgersi all’autorità competente interna designata da ciascuno Stato, indicata per ciascun Paese nell’atto di adesione alla Convenzione stessa, per ottenere l’apposizione dell’apostille sul documento. Così perfezionato, il documento viene riconosciuto nel Paese di destinazione.

  • Legalizzazione dei documenti presso la Prefettura, la Procura o la Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura.

*Oltre alla Convenzione dell’Aia ci sono altre convenzioni che permettono di utilizzare documenti senza legalizzazione. Controllare l’elenco delle convenzioni attualmente in vigore (сделать переход на отдельную страницу).

Convenzioni attualmente in vigore che permettono di utilizzare documenti senza legalizzazione: (отдельная страница)

  • Convenzione per il rilascio gratuito e la dispensa da legalizzazioni degli atti di stato civile e allegato (Lussemburgo, 26/09/1957);

  •  Convenzione riguardante l'abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri, (Aia, 05/10/1961);

  • Convenzione europea relativa alla soppressione della legalizzazione degli atti formati da agenti diplomatici o consolari (Londra, 07/06/1968);

  • Convenzione sulla dispensa dalla legalizzazione per taluni atti e documenti (Atene, 15/09/1977);

  • Convenzione relativa alla soppressione della legalizzazione di atti negli Stati membri delle Comunità europee (Bruxelles, 25/05/1987).



Come capire se è necessaria la legalizzazione per i Suoi documenti?

E’necessario effettuare una verifica presso l’ente al quale occorre presentare il documento.



Vi invitiamo a procedere alla pagina desiderata cliccando sull’apposito link:

  • Legalizzazione degli atti formati in Italia per l’uso all’estero (ссылка на страницу);

  • Legalizzazione degli atti formati all’estero per l’uso in Italia (ссылка на страницу);

Vi invitiamo a contattarci per ottenere l’informazione più dettagliata: https://vhs-italy.com/page/812?domain=7&language=60 (ссылка на обратную связь).